PROTESTE IN AMERICA PER LA VITTORIA DI TRUMP

Risultati immagini per trump deviantart

In america in questi giorni ci sono dei manifestanti che stanno protestando contro la vittoria di Donald Trump. In diverse città americane ci sono stati anche diversi arresti. Questi manifestanti non accettano la vittoria di Donald Trump e vorrebbero Hilary Clinton al suo posto. Addirittura su Change.org è stata avviata una petizione per spodestare Trump dalla Casa Bianca e far sì che al suo posto ci sia Hilary Clinton. La maggior parte dei manifestanti hanno intonato lo slogan Trump is not my president. Vi riporto un articolo apparso su Global Search che spiega bene la petizione di Change.org contro Donald Trump

Change.org dice che Trump non è adatto a fare il presidente, al contrario di Hillary, citando una vasta gamma ragioni espresse dalla propaganda anti-Trump.

 

Afferma che “24 stati multano gli Elettori. Se votano contro il loro partito, di solito pagano una multa e la gente si arrabbia, ma possono votare quello che vogliono e nella maggior parte degli stati non ci sono mezzi legali per impedirglielo.

 

Ecco cosa dice la National Archives and Records Administration [in Inglese] riguardo alle votazioni del Collegio Elettorale:

 

Durante la storia degli Stati Uniti, “più del 99 per cento degli Elettori ha votato come promesso”, ovvero per il vincitore del voto popolare negli stati che rappresentano.

 

“NON CI SONO CLAUSOLE COSTITUZIONALI O LEGGI FEDERALI CHE CHIEDONO AGLI ELETTORI DI VOTARE IN ACCORDO COL VOTO POPOLARE, SOLO ALCUNI STATI HANNO RICHIESTE SIMILI”.

 

“NOTATE CHE 48 DEI 50 STATI CONCEDONO IL VOTO DEGLI ELETTORI IN BASE AL CONCETTO “IL VINCENTE SI PRENDE TUTTO” (COSÌ COME FA IL DISTRETTO FEDERALE DI COLUMBIA)”. SOLO IL NEBRASKA E IL MAINE NON SEGUONO LA REGOLA “IL VINCENTE SI PRENDE TUTTO”.

 

Se nessun candidato riceve la maggioranza dei voti degli Elettori, i membri della Camera dei Rappresentanti scelgono il presidente fra i tre candidati che hanno ricevuto più voti, e in questo caso ogni stato ottiene un voto.

Negare a Trump l’incarico che ha ottenuto, come esorta a fare Change.org, rasenterebbe l’insurrezione – forse darebbe il via ad un’agitazione nazionale e allo spargimento di sangue nelle strade.

Trump non sarà un presidente del popolo, nessuno dei precedenti leader della storia americana lo è stato: non lo sono stati né Washington, né Jefferson, né Lincoln, né i due Roosevelt, solo John F. Kennedy ci è andato vicino, ma è stato assassinato dalla CIA per aver fatto la cosa giusta.

Trump si insedierà il 20 Gennaio come 45° Presidente degli Stati Uniti, e ha salvato il mondo dal possibile flagello di una guerra nucleare che Hillary avrebbe scatenato nel caso lo avesse sconfitto.

Il suo desiderio di relazioni migliori con la Russia è il segnale più promettente di relazioni geopolitiche americane possibilmente migliori di quelle che abbiamo adesso col partito della guerra al comando, e Hillary, suo membro di spicco in qualità di first lady, senatrice americana, Segretario di Stato e due volte aspirante presidente, ora è politicamente morta: che rimanga tale!

Un’ultima domanda: chi ha pagato Change.org per far circolare questa petizione: la Convention Nazionale Democratica o gli organizzatori della campagna di Hillary Clinton?

 

*****

Articolo di Stephen Lendman pubblicato su Global Research l’11 novembre 2016.

 

Traduzione in Italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.

 

[Le note in questo formato sono del traduttore]