CHI FU ALEISTER CROWLEY. FONTE: ANTICORPI.INFO

Risultati immagini per aleister crowley deviantart

A cura di Anticorpi.info

 

A differenza di molti altri alchimisti, la vita stessa di Edward Alexander Crowley si confonde con la sua opera. Se costui fu definito l'uomo più malvagio mai vissuto, e la Grande Bestia, vi saranno stati dei motivi, finti o veritieri che siano. Proviamo a scoprirne qualcuno.

Da Hungry for Heaven, di Steve Turner:

"Nacque nel 1875 a Leamington (Inghilterra), da genitori appartenenti della Strict Brethren, setta fondamentalista cristiana. Fin dalla più tenera età tese ad identificarsi con i nemici di Dio descritti nelle storie bibliche che spesso gli venivano raccontate. In particolare si identificò con l'anticristo predetto nel libro della Apocalisse."

Si può ironizzare sullo strano fenomeno per cui sovente proprio i giovani che crescano in ambiti familiari morbosamente osservanti diventino, nella maturità, acerrimi nemici del cristianesimo (altro tipico esempio di questo fenomeno è quello di Nietzsche, non a caso figlio di un pastore protestante).

Da Hungry for Heaven:

"Il padre Edward, ricco predicatore e birraio, ereditiere, venne a mancare quando Aleister aveva soli undici (11) anni lasciandogli una fortuna. Tale ricchezza consentì ad Aleister di autofinanziare la sua carriera di satanista. 

Iniziò torturando e uccidendo piccoli animali all'età di dodici anni. La sua stessa madre lo definì  La Grande Bestia dell'Apocalisse il cui numero è 666, appellativo di cui il giovane affermò di andare molto fiero. Era convinto di essere la reincarnazione del mago Eliphas Levi, morto l'anno in cui Aleister venne al mondo. Sosteneva di avere  vissuto altre vite, compresa quella di Papa Alessandro VI." 

Il giovane Crowley s'interessò alla poesia, e scrisse una sorta di poemetto nel 1898, Aceldema. 

Come rileva John Symonds nella sua biografia crowleyana, il poemetto è abbastanza insulso. Ma c'è una strofa molto significativa in cui il giovane Crowley rivela un precoce gusto per quella che potremmo definire una ascesi spinta agli estremi limiti della penitenza e dell'automortificazione, o viceversa delle fantasie rivelatrici della presenza di spiccate pulsioni sadomaso:

Ogni degradazione e ogni infamia

Tu subirai.

Come in un sogno orrendo

Vorrei porre la testa sotto il fango

E gli escrementi delle donne indegne;

Che ti calpesteranno finché tu

Inalerai fumi mortali.

Davvero si trova in questo passo di Aceldema il rimando alle suggestioni e agli incubi lovercraftiani, ma anche tanto materiale per le future rockstar sedicenti sataniste che calcano i palchi ai nostri giorni. 

Risultati immagini per aleister crowley deviantart

 

LA MAGIA SESSUALE

Ispirandosi al celebre passo dell'Apocalisse assunse il nome di La Grande Bestia. 

 

"Non mi accontento di credere semplicemente in Satana; io voglio diventare il suo capo di stato maggiore".

A. Crowley

 

Nel 1898 entrò a far parte della società segreta Golden Dawn, introdotto da un chimico inglese, un certo Julian Baker. […] Abbandonata la Golden Dawn prima del suo definitivo tramonto (successivamente raggiunse il 33° grado della massoneria) iniziò a viaggiare e ad accumulare esperienze iniziatiche. 

Si recò in Messico, dove partecipò ad alcuni riti di evocazione del Serpente Piumato. Poi nel continente asiatico, dall'Indonesia al Giappone. A Madras fu iniziato ad una delle ramificazioni degenerate del tantrismo. A Parigi, conobbe Rilke, e sposò Rose Kelly, sorella di un suo discepolo. 

Crowley descrisse il suo matrimonio con Rose come "una ininterrotta orgia sessuale." Finché quest'ultima non impazzì, dopo avergli dato una figlia il cui nome richiamava quello della dea Lilith. 

Da Hungry for Heaven:

"Anche la sua seconda moglie impazzì. Cinque delle sue amanti morirono suicide, e decine dei suoi frequentatori finirono alcolisti, tossicodipendenti o rinchiusi in istituti mentali (Hellhounds on Their Trail, pag. 56)."

Nel 1920, interrogando lo i-Ching, si persuase che per realizzare la Grande Opera non esistesse posto più adatto di Cefalù. Nella località siciliana edificò la sacra abbazia di Thelema ("Inferno della Cortigiana, luogo segreto dell'irrefrenabile fuoco della Lussuria e del tormento eterno dell'Amore"). 

Il tempio dei thelemiti era strutturato ad un solo piano, ed aveva una sola sala (Sancta Sanctorum). Sul suolo vi era effigiato il pentagramma inscritto in un cerchio. In mezzo al pentagramma era collocato un altare esagonale. Sull'altare era depositato il Liber Legis. A Est sorgeva un trono dedicato alla Bestia ed un braciere ardente. A Ovest s'ergeva il trono della Donna Scarlatta. Dipinte sulle pareti del tempio, facevano bella mostra alcuni ritratti di Crowley e  raffigurazioni orgiastiche.

Nel 1922 pubblicò Diary of a Drug Fiend, saggetto incentrato sullo uso della cocaina. La maggior parte della sua vita adulta fu dedicata ad indulgere in tutte le pratiche più invise ai 'dettami cristiani': riti magici e invocazioni spiritiche a base di pratiche sessuali estreme e droghe.

Durante uno dei suoi soggiorni al Cairo sembra che una medium gli ingiunse di costituire un nuovo ordine: lo Astrum Argentinum, fondato sulla magia sexualis, già ampiamente nota a Crowley fin dai tempi della sua frequentazione in India dei seguaci della Via della Mano Sinistra.

Nel 1923 fu espulso dal territorio italiano per ordine di Mussolini, il quale aveva iniziato a perseguitare tutte le associazioni segrete ed iniziatiche italiane. Thelema venne chiusa ed egli ricominciò a vagabondare e a circondarsi di donne. 

Dopo essere stato internato per un breve periodo, ormai eroinomane e psichicamente instabile (forse come conseguenza ed effetto differito di un viaggio intrapreso qualche anno prima nel deserto algerino per evocare uno spirito del male, quando fu ritrovato mezzo morto) finì per ritenersi un vampiro. 

Morì nel 1947, alla età di 73 anni. 

Le sue ultime parole furono: "Sono perplesso ..." 

L'ALTRA FACCIA DELLA MEDAGLIA

Ma per ogni storia esistono almeno due versioni. Secondo alcune correnti di pensiero a Crowley sarebbe stata erroneamente attribuita la fama di satanista, a causa del suo comportamento provocatorio e fuori dagli schemi morali dell'epoca in cui visse.

Nel cap. XXI della sua opera più importante Magick egli stesso spiegò che il proprio interesse per l'Ars Regia - la magia - rappresentava niente altro che una via iniziatica per raggiungere superiori stati di coscienza. 

Molti gli attribuiscono qualità filantropiche, ad esempio il merito di avere divulgato nel corso della sua esistenza numerosi insegnamenti segreti appartenenti alla Golden Dawn, pubblicandoli sul suo giornale The Equinox.

PROSELITISMO

Aleister Crowley fu uno degli individui più influenti del secolo scorso. Molte personalità ricercarono la sua amicizia e collaborazione, per non parlare del proselitismo popolare, che raggiunse livelli inimmaginabili per l'epoca, e che ancora oggi è assolutamente notevole.

Intrattenne rapporti con Hitler ed il nazismo. In un primo tempo, sembra che il Führer fosse vagamente suggestionato da Crowley. Non si deve dimenticare quali fossero le radici occulte del nazismo: le SS erano un corpo d'élite iniziatico che si rifaceva ad elementi indù, nordici e romanici (più che ellenici). Si pensa che cercassero la Thule e i Superiori invisibili, quindi è naturale che Hitler cercasse un contatto con Crowley, assimilato dalle SS ad una sorta di superuomo.

Da parte sua, anche Crowley dovette percepire l'influsso degli elementi misteriosofici del Reich. Probabilmente per un certo tempo fantasticò sulla possibilità di esercitare una influenza su Hitler, sebbene in seguito si dette a fare la spia per il proprio paese.

Sembra che persino Winston Churchill lo abbia interpellato per propiziare la vittoria delle truppe alleate, rifiutandosi tuttavia di ascoltare fino in fondo i suoi suggerimenti. Inoltre Crowley stesso ebbe modo di offrire la propria collaborazione alle autorità russe per aiutare il comunismo a distruggere il cristianesimo.

Come si diceva, anche dopo la sua morte, in tempi più recenti, la figura di Crowley continuò ad attirare proseliti tra personaggi del mondo della politica e dello spettacolo.

Nel 1971 Jimmy Page, chitarrista dei Led Zeppelin, acquistò Boleskine, una magione sul lago di Loch Ness - edificata sulle macerie di una chiesa letteralmente crollata addosso alla intera congregazione - dove Crowley praticò per qualche tempo i suoi riti. 

Page e Robert Plant affermano che alcune delle canzoni dei Led Zeppelin siano state concepite con la tecnica della scrittura automatica, compresa la celebre Stairway to Heaven, nella quale a un certo punto vengono cantate le parole: "May Queen", riferimento al nome di una poesia di Crowley.

I Beatles ammisero che sulla copertina dell'album Sergeant Pepper's sarebbero ritratti i volti "della gente che ammiriamo" (Ringo Starr, Hit Parade, ottobre 1976, p.14). Paul McCartney specificò che fu un pò come appendere alla parete i poster dei loro eroi. Tra gli eroi raffigurati sulla copertina dell'album figura Aleister Crowley. 

David Bowie scrisse di Crowley nella canzone Quicksand, album The Man Who Sold the World.

Bruce Dickinson degli Iron Maiden ha dichiarato: "... ci dilettiamo con le idee di personaggi come Crowley" (Circus, 31 Agosto 1984).

Daryl Hall del duo Hall e Oates ha ammesso di essere un seguace di Crowley. 

"Sono rimasto affascinato da Aleister Crowley perché la sua personalità fu l'emblema della fine del XIX secolo. Una persona cresciuta in una famiglia tradizionalmente religiosa che ha vissuto per oltraggiare la società intorno a lui ed anche se stesso" (Lives Rock: profili e colloqui, p. 584). Hall possiede una copia firmata e numerata del Book of Thoth scritto da Crowley.

Sul retro dell'album 13 Doors, Jim Morrison posò con un busto di Aleister Crowley.

Ozzy Osbourne ha definito Crowley "un fenomeno del suo tempo" (Circus, 26 Agosto, 1980, p. 26). Ozzy scrisse anche una canzone intitolata Mr.Crowley:

"Hai ingannato il popolo con la magia / Hai aspettato su chiamata di Satana / Mr. Crowley, non si guida il mio cavallo bianco ... "

Sting ha dichiarato di avere studiato gli scritti di Crowley.

Mick Jagger si è autodefinito fan di Crowley.

Il brano Misery Machine di Marilyn Manson, contiene nel testo la frase: "Cavalchiamo sull'abbazia di Thelema."

Il guru dell'LSD Timothy Leary dichiarò: "Sto proseguendo il lavoro che egli (Crowley) ha iniziato più di cento anni fa ..." 

Lo scrittore William Somerset Maugham gli si ispirò per il suo romanzo The Magician (Il mago), da cui deriva l'omonimo film di Rex Ingram (1926). Leonardo Sciascia scrisse di lui nel racconto Apocrifi sul caso Crowley. Umberto Eco lo cita più volte nel Pendolo di Foucault parlando dei riti iniziatici di adorazione della Bestia. 

 

LEGGENDE E CURIOSITA'

Alcuni attribuiscono a Crowley la coniazione del termine New Age. Nel suo Book of the Law, datato 1904 vi è in effetti un capitolo intitolato "The New Age".

 

lam-aleister-crowley

Crowley dichiarò ripetutamente di essere stato contattato da una misteriosa entità extradimensionale chiamata Lam, di cui fece un ritratto (destra). La creatura disegnata è piuttosto rassomigliante agli alieni grigi descritti da contattisti e ufologi odierni.

Il medico che lo ebbe in cura negli ultimi giorni di vita, un certo dottor Thomson, morì il giorno successivo la morte di Crowley, innescando una serie di fosche ipotesi da parte dei media.

Ultima curiosità. Nel giugno 2010 l'agenzia ADNKronos ha segnalato la pubblicazione di un annuncio immobiliare che così recita: "Vendesi edificio di valore storico - artistico in località Santa Barbara, presso Cefalù". Ebbene, l'immobile "indipendente a piano terra con ampio giardino, da ristrutturare" a cui fa riferimento l'annuncio è proprio la vecchia abbazia di Thelema. 

Il prezzo richiesto per l'immobile ammonta ad un milione e mezzo di euro. Interpellata dalla stampa, l'agenzia immobiliare ha confermato l'identità dell'edificio, e ha aggiunto di avere ricevuto molti contatti, soprattutto dall'estero: tedeschi, inglesi e svizzeri in particolare. Ma anche alcuni italiani di cui uno - professionista fiorentino - disposto ad acquisire l'edificio al prezzo stabilito, senza alcuna trattativa.

 
Articolo tratto da diverse fonti web, tra cui:
Il Rasoio di Ocram - Aleister Crowley, Storia di un Mago
Link diretto all'articolo:
http://ilbohemien.blogspot.com/2009/06/aleyster-crowley-storia-di-un-mago.html